Come prepararsi per la prima gara di triathlon

novembre 19, 2018 0 Di Francesco Maglione

Il mind setting del Principiante

Il primo passo è quello di iscriversi alla prima gara, a quel punto non sarà più possibile tirarsi indietro (fosse solo per non perdere la quota d’iscrizione) e poi lo hai già detto a tutti, quindi vediamo i passi che ti porteranno ad arrivare alla finish line.

Sicuramente hai sentito a bordo vasca o nelle uscite con altri triathleti già “esperti” dire, questa è la mia gara principale, l’obiettivo della stagione, mentre l’altra è una gara di preparazione.

Ovviamente come ogni cosa, anche e specialmente nel nostro amato sport ci vuole organizzazione e si deve ragionare per obiettivi. Più questi sono grandi, più spaventano ma al tempo stesso ci caricano di adrenalina per affrontarli e alla fine come recita un vecchio detto “… oggi è il giorno del quale avevi paura ieri”.

Ma torniamo agli obiettivi, come ti dicevo sopra, ci vuole disciplina e organizzazione, specialmente per il principiante bisogna partire con piccole abitudini quotidiane che andremo giorno dopo giorno ad incrementare sino a cogliere l’obiettivo finale.

Vedo tante volte principianti con una “foga” agonistica che purtroppo non si sposa con la condizione fisica e l’aging anagrafico e biologico, e il più delle volte accade l’irrimediabile, che nel nostro mondo è l’infortunio, e la diretta conseguenza, abbandono dell’obiettivo.

Una regola che può aiutarvi è questa: un piccolo aumento degli sforzi del 10% paga enormemente in un intervallo di tempo, tuttavia c’è il contraltare, la stessa riduzione di questo 10% può essere catastrofica per il nostro piano e per le nostre performance.

Ricordarsi sempre che la gara alla quale vi siete iscritti è il vostro obiettivo della stagione e per affrontare al meglio le giornate “NO”, ponetevi questa domanda: Cosa posso fare oggi che farà la differenza in seguito ?

L’obiettivo è il fine ultimo e in questo caso il mezzo è il triathlon che ci deve guidare alla conquista in primo luogo di uno stile di vita sano, di un attenzione agli spazi e ai tempi che porteranno ad un altro obiettivo ben più importante della finish line: la SALUTE.

Stare bene con se stessi e affrontare con un indipendenza funzionale gli anni dopo una “certa” cifra deve essere l’obiettivo finale per ogni persona, e questo con lo sport non è più una promessa ma sarà una realtà.

Se ha suscitato interesse e/o curiosità quest’articolo sarò lieto di rispondere alle tue domande e inviarti altri scritti su questo argomento: LA SCIENZA DELLA LONGEVITA’

Ora devi fare, 3 cose:

1 – Iscriviti alla mia newsletter compilando il modulo alla fine di questa pagina;

2 – Condividi questa pagina sui tuoi canali social;

3 – Metti mi piace alla pagina Facebook YouTRI

Lunga vita in movimento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA